Al caldo delle Bahamas: Le delizie della figliastra

Il diciannovesimo compleanno di Traci è proprio dietro l’angolo e, sua madre, ha promesso di portarla in  viaggio, dato che non le ha consentito di andare in Europa con i suoi amici per l’estate. Quando la mamma si tira indietro dal portarla in viaggio per il suo compleanno, il patrigno di Traci decide di portarla alle Bahamas. Traci, nel tentativo di pareggiare i conti con la madre, scopre di provare dei sentimenti veri per Mike, quello che presto diventerà suo ex-patrigno.

Questo è un racconto erotico esplicito di circa 5000 parole. Contiene immagini vivide e argomenti sessuali. È destinato esclusivamente ad un pubblico adulto che sia interessato in questo tipo di materiale, per un uso consapevole nel rispetto delle leggi e senza violare alcuna norma locale dove viene venduto e utilizzato.

Estratto:

“Non sono più una ragazzina Mike,” disse lei facendo scivolare la mano dentro i suoi pantaloni e facendo scivolare un po’ di sborra fuori dalla cappella del suo cazzo ancora mezzo gonfio, “Sono una donna ormai, e mia madre è a New York City per il mio compleanno, che si prende il cazzo di un altro uomo. E nel caso te lo stessi chiedendo, qui nessuno sa che sono la tua figliastra.”. Tolse la mano dalla parte anteriore dei suoi pantaloni e, assicurandosi che potesse vedere quello che stava facendo, si portò un poco del suo sperma alle labbra. Lentamente, come se fosse un dolce, ne leccò ogni goccia rimanente sulle sue dita. “Dannazione Mike, hai un buon sapore. Voglio tornare alla suite.” Le sue labbra si avvicinarono al suo orecchio: “Ci ho pensato che per tutto il pomeriggio” disse, “e ora lo voglio tutto, direttamente fuori dalle tue palle.” Poi di portò una mano al seno e si appoggiò contro di lui in modo che gli altri sul ponte non potessero vederli. Mike sentì che la poca determinazione a resistere che c’era ancora in lui, stava lentamente svanendo.

Il loro viaggio di ritorno verso la suite fu molto dolce: la mano di Traci nei suoi pantaloni e quella di lui sotto il suo vestito, per tutta la strada. L’immaginazione di Traci non si fermò un attimo, dicendogli tutto quello che voleva fargli, cose che non si era mai sognata di fare, cose proibite… ma, improvvisamente, incredibilmente desiderabili. “Adesso mi vuoi Mike?” La faccia di lei affondata nel suo collo e il grosso dito medio di lui penetrato nella sua figa stretta. “Oh Gesù Mike, così sì che sto bene.”

Compralo su Amazon

Compralo su Barnes & Noble

Compralo su Smashwords

Compralo su Kobo



Leave a Reply

Share this Page

Like our content?  Share it with the world.

Facebook
Twitter
Google+
Pinterest
Linkedin0
DiggDigg0
Tumblr0
Stumbleupon0
Reddit0
Delicious0
E-mail
Blogger0